ottenere una completa escissione della lesione

attuare un’adeguata ricostruzione

I tumori della pelle diversi dal melanoma sono classificati in base alle cellule da cui hanno origine e spesso arrivano sotto all’occhio del chirurgo già in uno stato di avanzamento. Questi tumori cutanei causano solo raramente sintomi nelle fasi iniziali. In alcuni casi, quando diventano abbastanza grandi e in stadio più avanzato, possono sanguinare o provocare prurito e dolore. In genere, quindi, i sintomi sono legati soprattutto alla comparsa o al cambiamento di aspetto di qualche lesione o macchia sulla pelle. Esistono due classi di tumori cutanei:

Tumori cutanei non-melanoma
I tumori cutanei non-melanoma comprendono un gruppo di tumori della pelle che interessano gli strati superiori della cute. L’esposizione ai raggi ultravioletti (UV) da fonti naturali o artificiali è la causa principale di tumore cutaneo non-melanoma.
Melanoma
Il melanoma è un tumore maligno che origina dalle cellule che producono la melanina, dette melanociti. Può insorgere su pelle integra, oppure da nei  preesistenti, le cause che determinano la degenerazione maligna non sono completamente note, ma è riconosciuto che sia la predisposizione genetica che l’esposizione ai raggi UV, da fonti naturali o artificiali, hanno un ruolo importante. La maggior parte dei tumori cutanei può essere precocemente individuata e quindi trattata negli stadi iniziali.
Nel caso del melanoma i parametri di una lesione sospetta sono: variazioni di forma, colore e dimensione di un neo esistente; neo associato a prurito o sanguinamento; comparsa di una nuova lesione o macchia sulla pelle. È importante dunque individuare queste alterazioni il prima possibile e consultare uno specialista per prevenire l’evoluzione di un potenziale tumore cutaneo.